Dott.ssa MARINA BELLOMO - Dott.ssa LUCIANA TAMAGNI LO PSICOLOGO A LEGNANO CONSULENZA E PSICOTERAPIA Infanzia - Età Adulta
Dott.ssa MARINA BELLOMO - Dott.ssa LUCIANA TAMAGNI LO PSICOLOGO A LEGNANOCONSULENZA E PSICOTERAPIAInfanzia - Età Adulta   

Ansia e Panico

 COS’E’ UN DISTURBO D’ANSIA?

Il disturbo d’ansia generalizzato colpisce circa il 5% della popolazione. Le persone che ne soffrono si preoccupano eccessivamente per eventi di vita quotidiana come essere in orario per un appuntamento, per il lavoro o la scuola, per la famiglia, per il futuro…; tutti i pensieri si concentrano sugli eventi negativi che potrebbero accadere.

 

L’ansia non è sempre negativa, in alcune situazione ci permette di utilizzare al meglio le nostre risorse, come ad esempio in caso di esami o situazioni importanti nella nostra vita.


Diventa  un problema quando la paura cresce  di giorno in giorno e diviene  incontrollabile.

Alcune domande utili da porsi sono le seguenti:
• Mi preoccupo più di quanto fanno gli altri?
• Le persone mi dicono che mi preoccupo troppo?
• Mi preoccupo anche se va tutto bene?
• Cerco di trovare un modo per non pensare che sono preoccupato?
• E’ difficile smettere di preoccuparmi una volta che comincio a farlo?

Sintomi fisici:

sintomi di ansietà tipicamente vissuti da individui con ansia generalizzata sono:

 

   - sensazione di irrequietezza
  - stanchezza persistente
  - difficoltà di concentrazione

-sensazione di irritabilità
- tensione muscolare
- difficoltà a dormire

- tremori o agitazione
- sudorazione
-senso di soffocamento
- tachicardia

- iperventilazione
- secchezza delle fauci
- vampate di calore o brividi
- sensazione di malessere o nausea

 

La prima sensazione che si prova quando si è ansiosi è paura, poi tensione e anche malessere fisico.
I sintomi fisici sono dovuti ai messaggi che il cervello invia nelle varie parti del corpo, questi messaggi nervosi tendono a far lavorare in modo accelerato il cuore, i polmoni e inoltre vengono rilasciati nel sangue anche gli ormoni che causano lo stress, cioè l’adrenalina che agisce sul cuore, sui muscoli e in altre parti del corpo causando i vari sintomi.

 

DISTURBO DI PANICO 

Gli attacchi  di panico, si presentano come  brevi ma intensi attimi di terrore  che causano tremore, vertigini e difficoltà respiratorie. Ne soffre chi viene colpito spesso da elevati livelli di ansia. L'APA, cioè American Psychiatric Association (2000), definisce l'attacco di panico come una paura o disagio che incomincia bruscamente e ha il suo picco in 10 minuti o meno.

 Spesso quando una persona sperimenta per le prime volte, un attacco di panico, la sensazione più comune è quella di aver avuto un attacco di cuore e spesso si reca immediatamente in ospedale; tale preoccupazione persiste anche dopo aver scongiurato qualsiasi problema fisico e nonostante la somministrazione di tutti gli esami dovuti.  Tali  manifestazioni fisiche non fanno che  rinforzare il pensiero di qualche grave malattia. Dopo queste prime esperienze, ogni piccolo cambiamento nel corpo, sarà percepito come causa di stress.

I normali cambiamenti nella frequenza cardiaca, con conseguente aumento del battito cardiaco, durante un attacco di panico, porterà la persona a credere che qualcosa non va con il cuore o che sta per avere un altro attacco di panico.

La paura della paura

 Qualcuno si preoccupa a tal punto da evitare di uscire di casa. Il disturbo di panico viene  diagnosticato quando diversi attacchi apparentemente spontanei portano l'individuo a preoccuparsi di eventuali e futuri attacchi. Può succedere che in concomitanza dell’attacco di panico si sviluppi anche l'agorafobia, ossia ansia di trovarsi in una situazione spiacevole e imbarazzante. Altre fobie comuni sono la claustrofobia, ossia la paura dei luoghi chiusi, e l'ipocondria, la paura di ammalarsi e/o di morire.

La maggior parte delle persone che soffre di attacchi di panico ha paura di morire, di “impazzire” o perdere il controllo della propria vita. Dopo aver sperimentato un attacco di panico, la risposta immediata è quella di fuggire da un possibile e nuovo attacco, nonché di recarsi, quando i sintomi sono insopportabili, presso un presidio ospedaliero.

 

Sintomi

 

I sintomi di un attacco di panico, sono improvvisi e apparentemente aspecifici. Possono includere disturbi che interessano l'Apparato cardiocircolatorio e l'Apparato nervoso in senso lato:

 

  • Aumento della frequenza cardiaca o palpitazioni
  • Aumento della pressione arteriosa a valori molto elevati
  • Dolori al petto/braccio sinistro
  • Difficoltà di respirazione (dispnea), affanno
  • Formicolio o intorpidimento alle mani, al viso, ai piedi o alla bocca
  • Rossore al viso e al petto o brividi
  • Parti distali fredde e sudate (mani e piedi)
  • Vampate di calore o brividi di freddo
  • Confusione mentale (difficoltà nell'organizzare pensieri e/o seguire un discorso correttamente)
  • Vertigini, stordimento, nausea, conati di vomito, senso di sbandamento
  • Pianto, grida ed urla strazianti con incapacità di comunicare a voce, spesso con sensazione di nodo alla gola
  • Sensazioni di sogno o distorsione percettiva (derealizzazione)
  • Dissociazione, percezione che non si è connessi al corpo o perfino che si èdisconnessi dal tempo e dallo spazio (depersonalizzazione) o ci si sente come un automa
  • Terrore, una sensazione che qualcosa di inimmaginabilmente orribile sta per succedere e si è impotenti per prevenirlo
  • Paura di perdere il controllo e fare qualcosa di imbarazzante o di diventare matti
  • Paura di morire e/o sensazione di svenire
  • Sensazione di lingua e bocca asciutta con sapore metallico in bocca
  • Tendenza all'elaborazione ipocondriaca (timore di essere vittima di un male oscuro)
  • Tremori fini o a scatti
  • Sensazioni di rivissuto (deja-v)

 

Trattamento

Non tutti i pazienti con ansia richiedono un trattamento, ma per i casi più gravi il trattamento è raccomandato.  Poiché   l'ansia ha spesso più di una causa ed è vissuta in modo molto individuale, il suo trattamento di solito richiede più di un tipo di terapia. Inoltre, non vi è alcun modo di sapere in anticipo come pazienti risponderanno ad un farmaco o terapia specifica. A volte il medico dovrà provare diversi farmaci o metodi di trattamento prima di trovare la combinazione migliore per quel particolare paziente. Di solito ci vogliono circa sei-otto settimane per il medico per valutare l'efficacia di un regime di trattamento.

La maggior parte dei pazienti con ansia è trattata con la  psicoterapia più che con i farmaci. Molti pazienti traggono beneficio da terapie  che sono progettate per aiutarli a scoprire i conflitti inconsci e meccanismi di difesa, al fine di comprendere come si  sviluppano i sintomi. I pazienti che sono estremamente ansiosi possono trarre beneficio dalla psicoterapia di sostegno, che mira alla riduzione dei sintomi piuttosto che alla ristrutturazione della personalità.

Oltre all’elaborazione dei vissuti e delle cause psichiche è molto utile  un training di rilassamento, che comprende esercizi di respirazione e di rilascio delle tensioni corporee destinate ad aiutare la persona  a prevenire l'iperventilazione e alleviare la tensione muscolare associata alla reazione di lotta o fuga. Queste tecniche possono essere apprese  in terapia di gruppo, o nel trattamento individuale. Oltre al trattamento individuale, i gruppi di sostegno sono spesso utili per i pazienti ansiosi, perché forniscono una rete sociale e diminuiscono l'imbarazzo che spesso accompagna i sintomi di ansia.

 

 

Dove siamo

Dott.ssa MARINA BELLOMO

3471743446
Corso Garibaldi 127, Legnano

Via Pergolesi 23, Milano

P.iva 05028100963

 

psicoterapialegnano@gmail.com

 

Dott.ssa LUCIANA TAMAGNI

3393693845

Corso Garibaldi 127, Legnano

P.iva 06693110964

 

lucianatamagni@alice.it